The elasticity of the myofascial system, muscles and fibrous connective tissue, resulting in the mobility of the joints of the human musculoskeletal system is a factor often overlooked or even ignored, in physical activities designed to fitness. Adequate levels of joint mobility are necessary for the maintenance of proper joint function, regardless of whether they perform athletic performance or to perform normal daily activities. Over the years, the mobility test for the joint verification and proper planning of your training, have been included in batteries of many protocols for the fitness test. Especially since it was assumed that no joint physiological range were associated with muscle damage and pain to chronic lower back. The tests of muscle length should be performed with the aim of determining if the extensibility reflects a ROM in the norm. Generally muscles are weak, too long and allow for adaptive shortening of the antagonist muscles. Muscles are too short and keep the muscles strong antagonists in stretched position. When performing tests for the length of the muscles and joint mobility is essential that the bone from which it originates the muscle is in a fixed position while the insertion of moves in the direction of stretching. Assuming that the incorrect balance of muscle chains leads to assume the posture with a good chance of running into states of pain and discomfort, here is how to test the mobility of the major joints of the human body.

L elasticità del sistema miofasciale, muscoli e tessuto connettivo fibroso, con la conseguente mobilità delle articolazioni dell apparato locomotore umano è spesso un fattore trascurato, se non addirittura ignorato, nelle attività motorie finalizzate al fitness. Adeguati livelli di mobilità articolare sono necessari per il mantenimento della corretta funzionalità delle articolazioni, indipendentemente se si tratti di eseguire una performance atletica o di svolgere le normali attività quotidiane. Col passare degli anni i test di mobilità articolare per la verifica e la corretta programmazione degli allenamenti, sono stati inseriti nelle batterie di molti protocolli per i Fitness-Test. Soprattutto da quando si era ipotizzato che range articolari non fisiologici erano associati a danni muscolari e a dolori cronici alla regione lombare della schiena. I test di lunghezza muscolare dovrebbero essere eseguiti con lo scopo di determinare se l estensibilità rispecchia un ROM nella norma. Generalmente muscoli eccessivamente lunghi sono deboli e permettono un accorciamento adattativo dei muscoli antagonisti. Muscoli troppo corti sono forti e mantengono i muscoli antagonisti in posizione di allungamento. Quando si eseguono dei test per la lunghezza dei muscoli e la mobilità articolare è fondamentale che l osso da cui origina il muscolo sia in posizione fissa mentre quello d inserzione si muove nella direzione dell allungamento muscolare. Partendo dal presupposto che il non corretto equilibrio delle catene muscolari porta ad assumere delle posture scorrette con buona possibilità di incorrere in stati di dolore e disagio, ecco come testare la mobilità delle principali articolazioni del corpo umano.

Cereda, F., La mobilità articolare dell'anca e i muscoli flessori: valutazione ed esercizi specifici, <<TRAINER PIANETA ISEF>>, 2005; 2005 (Settembre): 12-18 [http://hdl.handle.net/10807/4672]

La mobilità articolare dell'anca e i muscoli flessori: valutazione ed esercizi specifici

Cereda, Ferdinando
2005

Abstract

L elasticità del sistema miofasciale, muscoli e tessuto connettivo fibroso, con la conseguente mobilità delle articolazioni dell apparato locomotore umano è spesso un fattore trascurato, se non addirittura ignorato, nelle attività motorie finalizzate al fitness. Adeguati livelli di mobilità articolare sono necessari per il mantenimento della corretta funzionalità delle articolazioni, indipendentemente se si tratti di eseguire una performance atletica o di svolgere le normali attività quotidiane. Col passare degli anni i test di mobilità articolare per la verifica e la corretta programmazione degli allenamenti, sono stati inseriti nelle batterie di molti protocolli per i Fitness-Test. Soprattutto da quando si era ipotizzato che range articolari non fisiologici erano associati a danni muscolari e a dolori cronici alla regione lombare della schiena. I test di lunghezza muscolare dovrebbero essere eseguiti con lo scopo di determinare se l estensibilità rispecchia un ROM nella norma. Generalmente muscoli eccessivamente lunghi sono deboli e permettono un accorciamento adattativo dei muscoli antagonisti. Muscoli troppo corti sono forti e mantengono i muscoli antagonisti in posizione di allungamento. Quando si eseguono dei test per la lunghezza dei muscoli e la mobilità articolare è fondamentale che l osso da cui origina il muscolo sia in posizione fissa mentre quello d inserzione si muove nella direzione dell allungamento muscolare. Partendo dal presupposto che il non corretto equilibrio delle catene muscolari porta ad assumere delle posture scorrette con buona possibilità di incorrere in stati di dolore e disagio, ecco come testare la mobilità delle principali articolazioni del corpo umano.
Italiano
Cereda, F., La mobilità articolare dell'anca e i muscoli flessori: valutazione ed esercizi specifici, <<TRAINER PIANETA ISEF>>, 2005; 2005 (Settembre): 12-18 [http://hdl.handle.net/10807/4672]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/4672
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact