Fuga dal palinsesto. O suo (eterno) ritorno