Polibio e la storia non contemporanea