Il diapsephismos post-tirannico: cittadinanza e lotta politica