Il precedente pisano (e anticlericale) della bella livornese dei falsi Modì