Nota sul fondamento ontologico della prassi in Aristotele