La dipendenza contestuale dei nomi propri: omonimia o deissi?