La bufera non è finita, ora la palla passa alla UE