«Or poserai per sempre». Alcune considerazioni sul tempo di "A se stesso"