La poesia nella «Dinamo futurista» di Fortunato Depero