'Melior viret herba tapetis'(Calp. Sic. VI, 71): persistenza ed evoluzione di un cliché figurativo epicureo