Ἀγαπάω come rilettura dei LXX di “šaʿăšûʿîm” (Is 5,7) e “šāʿaʿ” (Sal 94[93],19)