Le isole di Zanzibar (Unguja) e di Pemba rientrano nell’immaginario collettivo come stupendi ‘gioielli’ appesi al continente africano; magici luoghi esotici dalla vegetazione lussureggiante, ricche di spezie, dall’aria profumata, dall’acqua potabile, dalle splendide spiagge coralline dai fondali trasparenti e dalla sabbia morbida e bianca come borotalco... in realtà la storia delle isole di Zanzibar e di Pemba non è solamente una ricostruzione agiografica di mirabilia, di sultani, di schiavi e di spezie. La presenza sulle isole di differenti gruppi etnico-sociali e religiosi, l’instaurazione della dominazione arabo-omanita intorno all’inizio dell’Ottocento, l’importante presenza delle comunità mercantili indiane e della comunità asiatica di mercenari baluci al servizio della dinastia arabo-omanita che governò queste isole, il ruolo svolto dagli arabi non omaniti, soprattutto provenienti dallo Yemen e dall’Hadhramaut costituirono elementi dai quali emerse un forte sincretismo culturale e politico, così come una contrapposizione, che sfociò spesso in conflittualità, entro un quadro affatto idilliaco.

Nicolini, B., Le isole di Zanzibar e Pemba, <<AFRICANA>>, 2002; (VIII): 101-119 [http://hdl.handle.net/10807/33966]

Le isole di Zanzibar e Pemba

Nicolini, Beatrice
2002

Abstract

Le isole di Zanzibar (Unguja) e di Pemba rientrano nell’immaginario collettivo come stupendi ‘gioielli’ appesi al continente africano; magici luoghi esotici dalla vegetazione lussureggiante, ricche di spezie, dall’aria profumata, dall’acqua potabile, dalle splendide spiagge coralline dai fondali trasparenti e dalla sabbia morbida e bianca come borotalco... in realtà la storia delle isole di Zanzibar e di Pemba non è solamente una ricostruzione agiografica di mirabilia, di sultani, di schiavi e di spezie. La presenza sulle isole di differenti gruppi etnico-sociali e religiosi, l’instaurazione della dominazione arabo-omanita intorno all’inizio dell’Ottocento, l’importante presenza delle comunità mercantili indiane e della comunità asiatica di mercenari baluci al servizio della dinastia arabo-omanita che governò queste isole, il ruolo svolto dagli arabi non omaniti, soprattutto provenienti dallo Yemen e dall’Hadhramaut costituirono elementi dai quali emerse un forte sincretismo culturale e politico, così come una contrapposizione, che sfociò spesso in conflittualità, entro un quadro affatto idilliaco.
Italiano
Nicolini, B., Le isole di Zanzibar e Pemba, <>, 2002; (VIII): 101-119 [http://hdl.handle.net/10807/33966]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/33966
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact