Le "false api" nell'arte, nell'editorìa, nella pubblicità (II parte)