Dalle rose e viole di Plutarco e di Clemente Alessandrino a quelle del "mazzolin" del "Sabato del villaggio" di Leopardi