Nuovi dati sulla fortuna delle "Devotissime compositioni rhythmice" nell’Italia del Cinquecento