L'orgoglio di un nobile 'internazionale': Prospero Visconti