Sul voto: una riflessione inattuale?