Manager, bracconieri e jazzisti: l’esperienza del tempo e del ritmo nell’era della comunicazione digitale