Il saggio propone una rassegna di testi ed autori che, nel corso dell'Ottocento, hanno posto al centro della loro opera la figura dell'orfano. In particolare, ci si sofferma sulla "Ginevra" di Antonio Ranieri per giugnere, attraverso Tarchetti e De Amicis, alle novelle di Verga e Capuana e alle "Myricae" del Pascoli che si configurano, come acutamente è stato detto, come un vero e proprio "romanzo dell'orfano".

Elli, E., La rappresentazione dell'orfano nella letteratura italiana dell'Ottocento, <<STUDI SUL SETTECENTO E L'OTTOCENTO. RIVISTA INTERNAZIONALE DI ITALIANISTICA>>, 2012; (VII): 163-173 [http://hdl.handle.net/10807/30499]

La rappresentazione dell'orfano nella letteratura italiana dell'Ottocento

Elli, Enrico
2012

Abstract

Il saggio propone una rassegna di testi ed autori che, nel corso dell'Ottocento, hanno posto al centro della loro opera la figura dell'orfano. In particolare, ci si sofferma sulla "Ginevra" di Antonio Ranieri per giugnere, attraverso Tarchetti e De Amicis, alle novelle di Verga e Capuana e alle "Myricae" del Pascoli che si configurano, come acutamente è stato detto, come un vero e proprio "romanzo dell'orfano".
ita
Elli, E., La rappresentazione dell'orfano nella letteratura italiana dell'Ottocento, <>, 2012; (VII): 163-173 [http://hdl.handle.net/10807/30499]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10807/30499
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact