Letteratura e scienze sociali: un confine aperto?