L’“interlingua” dei bambini: esempi e applicazioni