Tra lingua e stile: l'apocope (e altro)