Appunti su due recenti volumi dedicati a Angelo Colocci