Dignità umana e bioetica. Sui rischi correlati all'asserito "diritto di morire"