Per uscire dal vicolo cieco: oltre la reciprocità del «male per male»