Da Freud a Sofocle: il sottosuolo della "Coscienza di Zeno"