Poesia, pubblicità e turismo nella futurista «Terra dei vivi»