No alla «rottamazione» dei più deboli