Il cogito freudiano e il reale dell'esperienza