La «solitudine immensa». Intenzionalità del desiderio e movimento del senso in Leopardi