Sulla disciplina nuova degli artt. 561 e 563 c.c.