Sinisgalli e la cultura utopica degli anni Trenta