Do our moral judgments ─ for example "action X is good/evil" ─ designate real characteristics of actions, so that "good," "evil," and similar attributes are real properties of human acts, or moral judgments are merely expressions of the emotions we feel toward actions, and therefore good and evil do not objectively exist? The purpose of this paper is to report some of the considerations made by Alasdair MacIntyre on this question, on moral realism, emotivism and expressivism. The paper discusses the relationship between moral judgments and emotions, then the question of moral properties, then sets out some objections to emotivism, and finally concludes with some clarifications on moral realism.

I nostri giudizi morali ─ per esempio “l’azione X è buona/malvagia” ─ designano delle caratteristiche reali delle azioni, cosicché “buono”, “malvagio” e simili attributi sono proprietà reali degli atti umani, oppure i giudizi morali sono soltanto espressione delle emozioni che proviamo verso le azioni, senza che essi abbiano un correlato nella realtà e dunque il bene e il male non esistono oggettivamente? Lo scopo del presente contributo è riportare alcune delle considerazioni svolte da Alasdair MacIntyre su tale questione, sul realismo morale, sull’emotivismo e sull’espressivismo. Il contributo mette a tema il rapporto tra giudizi morali ed emozioni, poi la questione delle proprietà morali, poi espone alcune obiezioni all’emotivismo, infine conclude con alcune precisazioni sul realismo morale.

Samek Lodovici, G., Il bene e il male esistono davvero? MacIntyre, l’emotivismo e l’espressivismo, <<NUOVA SECONDARIA>>, 2022; 40 (4): 96-100 [https://hdl.handle.net/10807/223354]

Il bene e il male esistono davvero? MacIntyre, l’emotivismo e l’espressivismo

Samek Lodovici, Giacomo
2022

Abstract

I nostri giudizi morali ─ per esempio “l’azione X è buona/malvagia” ─ designano delle caratteristiche reali delle azioni, cosicché “buono”, “malvagio” e simili attributi sono proprietà reali degli atti umani, oppure i giudizi morali sono soltanto espressione delle emozioni che proviamo verso le azioni, senza che essi abbiano un correlato nella realtà e dunque il bene e il male non esistono oggettivamente? Lo scopo del presente contributo è riportare alcune delle considerazioni svolte da Alasdair MacIntyre su tale questione, sul realismo morale, sull’emotivismo e sull’espressivismo. Il contributo mette a tema il rapporto tra giudizi morali ed emozioni, poi la questione delle proprietà morali, poi espone alcune obiezioni all’emotivismo, infine conclude con alcune precisazioni sul realismo morale.
Italiano
Samek Lodovici, G., Il bene e il male esistono davvero? MacIntyre, l’emotivismo e l’espressivismo, <<NUOVA SECONDARIA>>, 2022; 40 (4): 96-100 [https://hdl.handle.net/10807/223354]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/223354
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact