E. Mounier: il dolore che educa