L'«invisible worm» della «Serenade» op. 31. William Blake nella ricezione di Benjamin Britten