La nota analizza una sentenza della Corte di Cassazione emessa nei confronti del sanitario che, pur non essendo formalmente medico curante della persona offesa, contribuisce a definire il percorso terapeutico suggerendo il ricorso alla medicina omeopatica in luogo di quella tradizionale.

Trashaj, M., Nota a Corte di Cassazione, Sezione IV penale, sentenza n. 5117 del 4 novembre 2021 - 4 febbraio 2022, <<RIVISTA ITALIANA DI MEDICINA LEGALE E DEL DIRITTO IN CAMPO SANITARIO>>, 2022; (II): 431-439 [http://hdl.handle.net/10807/217306]

Nota a Corte di Cassazione, Sezione IV penale, sentenza n. 5117 del 4 novembre 2021 - 4 febbraio 2022

Trashaj, Megi
2022

Abstract

La nota analizza una sentenza della Corte di Cassazione emessa nei confronti del sanitario che, pur non essendo formalmente medico curante della persona offesa, contribuisce a definire il percorso terapeutico suggerendo il ricorso alla medicina omeopatica in luogo di quella tradizionale.
Italiano
Trashaj, M., Nota a Corte di Cassazione, Sezione IV penale, sentenza n. 5117 del 4 novembre 2021 - 4 febbraio 2022, <<RIVISTA ITALIANA DI MEDICINA LEGALE E DEL DIRITTO IN CAMPO SANITARIO>>, 2022; (II): 431-439 [http://hdl.handle.net/10807/217306]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/217306
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact