L'iscrizione CIL, VI, 1347: autorappresentazione femminile o propaganda politica?