"Normalità" del male e patologia mentale