Un nuovo legame con il lavoro del welfare (post) pandemico