Necessità del passato e "potentia dei" in Guglielmo di Ockham