L'ETA e l'addio alla violenza. Lo scrittore sceglie il perdono