The treatise illustrates the thought of Sebastiano Casteillon, famous opponent to Calvin and his doctrine of predestination. The ground of his doctrine of religious tolerance is the conviction that human beings are created by God as free and thus that nobody can be persecuted or killed for his faith. Charity is invoked as the only principle that can settle the disputes and bring about peace among human beings.

Il saggio mette in luce il pensiero di Sebastiano Castellion, celebre avversario di Calvino e della sua dottrina della predestinazione. A fondamento della sua dottrina della tolleranza religiosa vi è la convinzione che l’uomo sia stato creato libero da Dio e dunque nessuno può essere perseguitato o ucciso per la sua fede. Il criterio invocato è quello della carità che sola può ricomporre le dispute e instaurare la pace tra gli uomini.

Zambruno, E., Cenni sulla dottrina della tolleranza in Sebastiano Castellion, in Religioni e violenza, (Messina, 04-05 May 2007), Aracne, Roma 2008: 213-220 [http://hdl.handle.net/10807/1760]

Cenni sulla dottrina della tolleranza in Sebastiano Castellion

Zambruno, Elisabetta
2008

Abstract

Il saggio mette in luce il pensiero di Sebastiano Castellion, celebre avversario di Calvino e della sua dottrina della predestinazione. A fondamento della sua dottrina della tolleranza religiosa vi è la convinzione che l’uomo sia stato creato libero da Dio e dunque nessuno può essere perseguitato o ucciso per la sua fede. Il criterio invocato è quello della carità che sola può ricomporre le dispute e instaurare la pace tra gli uomini.
Italiano
Religioni e violenza
Religioni e violenza .Atti del VI Convegno annuale della Associazioe Italiana di Filosofia della Religione
Messina
4-mag-2007
5-mag-2007
978-88-548-2014-2
Zambruno, E., Cenni sulla dottrina della tolleranza in Sebastiano Castellion, in Religioni e violenza, (Messina, 04-05 May 2007), Aracne, Roma 2008: 213-220 [http://hdl.handle.net/10807/1760]
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10807/1760
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact