Lento e territoriale, il turismo post-Covid