L’ABBAZIA DI FARFA COME ISTITUZIONE DINAMICA: OSSERVAZIONI CONCLUSIVE