L’accordo Luxottica: le vie italiane alla partecipazione sono infinite?