In margine al testo di Longo Sofista