Sull'eterna discontinuità: ipotesi per una sociosemiotica della comunicazione esterna