Tra "storie di famiglia" e "saghe"