Il «Liber Figurarum» come problema storiografico